2021 Verso la vaccinazione di massa

Si parte tra dubbi, intoppi e mancate autorizzazioni.
8 italiani su 10 pronti a farlo

La diffusione dei virus può essere risolta perseguendo l’obiettivo di vaccinare la totalità della popolazione sia per proteggere il singolo sia per raggiungere la cosiddetta “immunità di gregge” che consente un buon livello di copertura anche per quei soggetti che non possono essere vaccinati. Si apre a questo punto lo snodo degli strumenti e delle strategie: la vaccinazione di massa può essere ottenuta introducendo l’obbligo vaccinale, oppure facendo leva su una adesione spontanea propiziata da idonee campagne di informazione.

I cosiddetti no-vax, in merito a questo problema, negano che esista una minaccia significativa di ammalarsi di determinate malattie.
In ogni caso non considerano i vaccini la risposta al problema: essi vengono considerati dannosi e suscettibili di provocare reazioni avverse
concrete ben più gravi del rischio astratto che dovrebbero scongiurare.
Riguardo la strategia, i cosiddetti no-vax osteggiano in tutti i modi quella che fa leva sulla obbligatorietà.

(segue su AREA3news n°114 gennnaio ’21)