All stars Gazzolo in festa per la conquista del titolo provinciale di volley CSI femminile


ARCOLE – Grande festa ad Arcole per la storica vittoria delle ragazze “dell’All stars Gazzolo” del campionato di volley CSI provinciale. L’associazione sportiva, affiliata all’Asd Gazzolo 2014, ha raggiunto un risultato eccellente, grazie ad un gruppo coeso ed energico, ad un bravo allenatore e alla voglia di dimostrare che si riesce ad raggiungere traguardi importanti anche senza spendere cifre esorbitanti.  Abbiamo intervistato Cristina Rinaldi, una delle giocatrici blu-biancazzurre, che ci racconta la storia delle “All stars”.

Qual è la storia della vostra società?

«Non si può parlare di società perché il nostro è un gruppo di amiche che giocano assieme grazie all’appoggio di un’associazione di calcio del paese, affiliata al CSI. Il gruppo è nato circa 8 anni fa, con lo scopo di proporre un po’ di movimento, ma allo stesso tempo la pratica di uno sport che ci piacesse. Nella realtà di Gazzolo mancava ormai da molti anni una squadra di pallavolo, così ci siamo lanciate nell’impresa. Ci siamo rimboccate le maniche per cercare sponsor, acquistare palloni, divise e attrezzatura. È stata una scommessa vinta… alla faccia di chi all’inizio ci aveva deriso ed ostacolato».

Quali risultati ha ottenuto in questi anni?

«In 8 anni abbiamo ottenuto due promozioni di girone e un titolo provinciale, vinto proprio quest’anno».

Da quali paesi provengono le atlete?

«Le atlete provengono da Gazzolo, Arcole, San Bonifacio, Soave, Lonigo e Belfiore»

Quali sono i valori che caratterizzano la vostra associazione sportiva?

«Sicuramente sacrificio, rispetto, umiltà e spirito di squadra».

Un resoconto del vostro percorso nel campionato di quest’anno.

«È stato un campionato durissimo. Le prime cinque in classifica si sono battute senza risparmiarsi e hanno mantenuto un certo equilibrio per tutta la durata della stagione. Questo non significa che le altre cinque squadre del campionato abbiano preso sotto gamba l’impegno. Sono state tutte un osso duro. Per questo il campionato di quest’anno è stato molto vivace e mai scontato, con risultati a volte sorprendenti».

di Paola Bosaro

(segue su #AREA3 n°77 – giugno 2017)