Ciao Lele, non ti dimenticheremo mai

«Tu sei stato per noi un tifoso, un amico e il padre di una grande famiglia, Purtroppo, come un soffio di vento te ne sei andato, lasciando un vuoto enorme». È solo una parte del saluto commosso, smarrito, tristissimo che i giocatori della prima squadra hanno rivolto durante le esequie del 12 luglio a Daniele “Lele” Billo, uomo tuttofare del Locara calcio, «cuore pulsante, esempio vivo di valori quali il sacrificio, la gioia e il rispetto». Lele è mancato all’improvviso per gli effetti di un grave attacco d’asma – malattia di cui soffriva da tempo ma della quale non si era mai lamentato in pubblico – il 6 luglio, ad un mese dal ritiro con la squadra che lui considerava la sua vacanza. Perché sebbene Lele avesse una famiglia che amava, il padre Giocondo e i fratelli Davide e Michela, la sua seconda famiglia era il campo da calcio in via Negri, a Locara. Saliva in auto e si recava al campo tutti i pomeriggio, una volta tornato dal lavoro. Tagliava l’erba…

di Paola Bosaro

(segue su #AREA3news n°100 settembre 2019)