Cologna Veneta – SOS caldaia del Duomo: mancano i soldi

SOS caldaia: mancano i soldi per pagare i lavori di rinnovo dell’impianto termico del Duomo di Santa Maria Nascente. L’appello dei parroci di Cologna ha il sapore di una costatazione piuttosto amara: i fedeli colognesi, finora, si sono rivelati piuttosto sordi all’invito a contribuire al finanziamento dell’opera che garantirà caldo e benessere all’interno del tempio ottocentesco durante le celebrazioni dei mesi invernali. L’appello dei parroci di Santa Maria Nascente don Daniele Vencato, don Stefano Piccolo e don Stefano Porcellato di «adottare» il nuovo impianto di riscaldamento del Duomo non sembra aver smosso più di tanto le coscienze dei fedeli.  Da Natale ad oggi sono stati raccolti soltanto 12 mila euro, a fronte di una spesa prevista che sfiora i 200 mila euro.  Sono stati pochissimi i parrocchiani che hanno messo una mano sul cuore e l’altra sul portafoglio in questi sei mesi. Nel settore delle imprese e degli enti pubblici è andata pure peggio. L’invito dei parroci, infatti, è caduto nel nulla. Nessuna azienda del Colognese ha risposto donando qualcosa, così come nessuna istituzione (neppure il Comune), finora, ha elargito contributi. Forse è colpa della crisi, o della disaffezione alla pratica religiosa. O, probabilmente, la gente è portata a sostenere opere maggiormente visibili, come ristrutturazioni o ricostruzioni. Il riscaldamento è dato per scontato. 

di Paola Bosaro

(segue su #AREA3news n°88 lug-ago ’18)