Donne in uniforme

Il lavoro femminile “in uniforme” è una consolidata realtà intrisa di concretezza tra integrazione nel mondo militare e conciliazione con la
vita familiare.

Gyuli Camposilvan – AGENTE DI POLIZIA LOCALE (Lonigo)

L’idea dell’arruolamento viene da lontano o è stata una decisione improvvisa?
«Fin da bambina ho nutrito una vera passione per i film polizieschi; la divisa mi è sempre piaciuta. Avevo persino una moto da CHiPs americano. Crescendo però, per motivi scolastici prima e lavorativi poi, non
avevo dato seguito a questa mia passione. È successo al rientro dalla maternità: il lavoro di commessa in un negozio di abbigliamento
per bambini che avevo svolto fino a prima di avere mia figlia, non mi piaceva più, così sentendo alla televisione che a Vicenza si sarebbe tenuto un concorso per Agenti di polizia Locale, decisi di iscrivermi.
Non c’erano limiti di età, come per le Forze
dell’ordine, e avevo tutti i requisiti necessari.