Gratitudine e dispiacere intrecciati nel saluto alle Sorelle della Misericordia

SOSSANO – Il sorriso. Questa è la cosa di cui si è sentita subito la mancanza nella Comunità di Sossano la domenica seguente la partenza delle Sorelle della Misericordia di Verona.

Un sorriso che accompagnava Suor Adelia, Suor Marilde e Suor Lucia in ogni circostanza, che fosse la mattina alla scuola materna quando accoglievano i bimbi, oppure che fosse incontrandole per la strada durante una passeggiata o ancora in Chiesa a messa, specie se ad incrociare il loro sguardo era uno dei loro bimbi. Era una garanzia quel sorriso e il vuoto si è fatto subito sentire: mancava la loro “presenza silenziosa e discreta ma importantissima” nelle parole del Sindaco Caoduro.

di Luana Bellini

(segue su #AREA3news n°79 – settembre 2017)