Il grande Cavaliere “Basso”

Sammy Basso

Illustre cavaliere Basso. Mai cognome sembra più tiranno, se confrontato al titolo cavalleresco assegnatogli poche settimane fa con “motu proprio”, dal Presidente della Repubblica in persona, per lo spessore morale e distinto impegno civico nel diffondere la conoscenza e ricerca sulla “progeria”, la grave malattia genetica che lo affligge. 

«La cosa mi fa molto piacere, ma Sammy resta comunque quello di prima» risponde lui a chi si complimenta per il titolo conferitogli. 

Non è sufficiente un aggettivo per riassumere la figura e l’impegno di Sammy – e non Semmy come dicono tutti, sbagliando-, incontrandolo si fa presto a scoprire che quel “merito pubblico”, lui lo porta naturalmente dentro con estrema semplicità.

di Antonio Gregolin

(segue su #AREA3news n°99 lug-ago_19)