INAUGURATO IL “MUSEO di ARCOLE E DELLA BATTAGLIA”

di Paola Bosaro

Nuova ala, reperti e documenti inediti nel Museo Napoleonico

Arcole museo IMG_9345È stato inaugurato lo scorso 30 aprile, ad Arcole, il Museo napoleonico ampliato e rinnovato. Ad aprile si sono conclusi i lavori di ampliamento dell’edificio che ospita la collezione donata al paese da Gustavo Alberto Antonelli nel 1982, architetto da cui il museo prende il nome. Accanto alla parte storica del museo ne è stata edificata un’altra, in legno, dove sono state collocate bacheche con reperti storici dall’età romana a quella medievale e veneziana, fino ad arrivare a documenti relativi al Settecento e all’epoca napoleonica. Sono state eliminate le barriere architettoniche. È stata creata un’area di accoglienza per le comitive e le scolaresche con una dotazione multimediale, i servizi igienici e la biblioteca con materiale librario inedito. Quest’ultima raccolta di libri sul periodo napoleonico e sulle gesta del generale corso, di proprietà del Comune, finora «non era mai stata consultabile per carenza di spazi adeguati per l’esposizione», ha spiegato il vicesindaco Alessandro Ceretta precisando che l’opera si chiamerà “Museo di Arcole e della Battaglia”Queste non sono le uniche novità», aggiunge Ceretta. «Ha trovato collocazione nel nuovo complesso museale la pure la biblioteca napoleonica, ossia la dotazione di libri sul periodo napoleonico e sulle gesta del generale corso, di proprietà del Comune, che finora non era mai stata consultabile per carenza di spazi adeguati per l’esposizione»
Arcole museo IMG_9347

Il costo per la sua realizzazione è stato di 262.500 euro. Altri 60 mila euro sono serviti per sistemare gli spazi esterni, con il nuovo parcheggio pubblico a servizio del museo, che tornerà molto utile anche alla parrocchia e ai fedeli che vanno in chiesa, essendo a ridosso della parrocchiale di San Giorgio e dell’oratorio. «Quest’opera, che porterà visitatori, studenti.