“Il limite che diventa ricchezza”

Si è svolta giovedì 22 dicembre presso la sala conferenze di Villa Loschi Gazzetta la serata con Rosita Sartori, serata fortemente voluta dall’amministrazione di Sossano e condotta da Federica Costantin. Una serata in cui Rosita, una giovane donna affetta da tetraparesi spastica, ha presentato non solo il suo libro Il limite che diventa ricchezza ma ancor di più la sua vita, ponendola come filo conduttore della serata. Rosita non ha di certo intenzione di non dire la sua, è minuta e in quella sedia a rotelle appare così piccola rispetto al mondo, ma, proprio come inizia a parlare, si trasforma in una leonessa, forte, coraggiosa e determinata ad esporre e difendere i suoi pensieri e ciò in cui crede veramente. La serata si snoda tra letture di alcuni passi del suo libro, accompagnate dalle dolci note delle allieve di pianoforte della scuola di musica sossanese, e spazi dedicati ai racconti e alle parole di Rosita. “Un mondo migliore non è un’utopia, il rispetto per la vita esiste e deve essere applicato e ritrovato in ogni ambito della nostra esistenza, qualsiasi vita è un dono, anche io su questa sedia a rotelle – che lei chiama spider rossa o trono regale – sono un dono del signore e nessuno dovrebbe mai non sentirsi tale!” Rosita ci guida attraverso un ragionamento forte, ci sbatte in faccia una verità che ignoriamo quotidianamente, ci fa sentire ridicoli davanti ad alcuni pensieri che giornalmente facciamo. Ci scuote forte, non per impaurirci o denigrarci, ma per farci aprire gli occhi, per farci capire che il limite può…

di Greta Piccotin

(segue su AREA3 n°72 – gennaio 2017)