Un miracolo chiamato Patrizia. Dal coma al ritorno alla vita

Patrizia Lovato

Ha fatto il pieno di pubblico e ha fatto venire le lacrime agli occhi a più di qualche persona la serata proposta al Teatro Comunale lo scorso 24 gennaio «Il dono più bello, il ritorno alla vita», il racconto del risveglio dal coma e del ritorno alla normalità di Patrizia Lovato, moglie di Fausto Bertolini, pasticcere e produttore di mandorlato di Cologna. 

Patrizia, che oggi ha 65 anni, è stata operata ad un’anca, distrutta da un tumore osseo, il 14 giugno del 2017, all’Istituto ortopedico “Rizzoli” di Bologna. L’intervento, l’undicesimo subito dalla donna che è paziente oncologica dal 2003, è stato lungo e complesso. Comprendeva anche il rafforzamento del femore. Il cuore di Patrizia, indebolito da lunghe terapie e dalla malattia, è andato in arresto, lasciando il cervello della sessantacinquenne senza ossigeno per alcuni minuti. 

Lovato è uscita dalla sala operatoria in coma e i medici hanno lasciato ben poche speranze ai famigliari. «Ci dicevano che anche se si fosse svegliata i danni subiti erano talmente gravi da non consentirle di tornare a camminare e a ragionare come prima», ha spiegato il marito Fausto Bertolini, durante una serata organizzata dall’Avis nel Teatro Comunale di Cologna per diffondere un messaggio di fiducia e speranza nelle persone che si trovano a dover lottare contro gravi infermità. 

di Paola Bosaro