LONIGO. “A RITROSO NEL TEMPO”: ANITA CAVAGGIONI

Sono trascorsi ormai quasi dieci anni dalla morte di Anita Cavaggioni e il suo ricordo è ancora vivo a Lonigo e dintorni. Per meglio descrivere il personaggio è quasi doveroso riportare quanto scritto dallo storico Remo Schiavo nella prefazione del libro “A ritroso nel tempo” scritto per l’appunto dalla stessa Anita Cavaggioni. «Si potrebbe dire – scrive Remo Schiavo – che Anita Cavaggioni, come tutti noi, ha recitato tutta la vita: solo che pochi recitano bene e Anita è tra questi…se non fosse diventata la signora di Lonigo che tutti conoscono, aveva tutte le carte in regola per essere e diventare attrice: bellezza, intelligenza e un particolare senso critico. Tutte doti per esordire sulla scena e infatti giovinetta, travestita da pastore, ha declamato la prima egogla di Virgilio tra le secolari piante di Villa Giovanelli. Poi ha deciso  di dedicarsi alla cultura della sua città promuovendo associazioni, eventi e presenze di grande spicco, aprendo le porte della sua bella dimora alle personalità presenti nel Teatro Comunale di Lonigo». Anita Cavaggioni, in sintesi, è stata il vero motore culturale di Lonigo per tutto il Novecento. …