Skip to main content

“Qualità nel vigneto, prospettive per l’ambiente”, il convegno per la viticoltura sostenibile e bio

SAREGO – Sempre nell’ambito di “CreAzioniFest” si colloca il convegno promosso da Coldiretti per approfondire le nuove problematiche burocratiche e per la testmonianza di due aziende operanti nel settore vinicolo biologico

«Non criminalizziamo le aziende del passato, ma guardiamo avanti e cono attenzione alle nuove opportunità, quindi anche al biologico in un settore importante come il vitivinicolo, per rispondere ad una crescente richiesta, in questa direzione, da parte del consumatore, che vuole un prodotto di qualità, buono, ma anche frutto di un’agricoltura ecosostenibile».

Con queste parole, condivise dal presidente di Coldiretti Vicenza e Veneto, Martino Cerantola, il presidente di zona della Coldiretti di Lonigo, Claudio Zambon, è intervenuto questa mattina al con…

(segue su #AREA3news n81 – novembre 2017)

Finalmente la rotatoria… ma non tutti gradiscono

Giovedì 26 sono stati posti i new jersey per la nuova rotatoria provvisoria che permette la circolazione nell’anello che raccorda le vie Manzoni, Grotte, Roma e piazza Umberto I. Questa soluzione, auspicata da molti anni e dalla quasi totalità degli automobilisti, permette di eliminare il semaforo e garantire una viabilità più scorrevole da tutte le direttrici aumentando la sicurezza nelle immissioni dalle strade secondarie alla provinciale SP500. L’autorizzazione della Provincia a posizionare i new jersey è stata necessaria per sperimentare la nuova viabilità sperimentale, per verificarne le criticità e le possibili migliorie al fine di predisporre una soluzione definitiva. Dopo le prime settimane, superate le inevitabili incertezze dovute al nuovo percorso, gli automobilisti (compresi i conduttori dei Tir diretti nel polo industriale di Monticello di Fara) hanno dimostrato di gradire la nuova rotatoria in quanto come per miracolo sono sparite le code causate dal semaforo. Gli unici a protestare sono stati i commercianti che hanno i loro esercizi nell’area dell’incrocio a causa della riduzione degli spazi di parcheggio. In realtà, anche con il semaforo, posizionare la propria macchina nei paraggi della farmacia, del panificio o del supermercato era un’impresa quasi impossibile anche perché la stessa piazza davanti al municipio dispone di pochi spazi per le auto. Dopo la rotatoria di piazza Umberto I° si auspica che venga tolto anche il semaforo di Meledo. In questo caso le soluzioni non sono semplici anche se si potrebbe optare per il senso unico per raggiungere la locale Casa di Riposo: il problema rimane la regolamentazione del traffico da e per via Vanderia…

di Rino Boseggia

 

(segue su AREA3 n°74 – marzo 2017)

Di Maio inaugura la Scuola d’infanzia di Monticello di Fara

Sarego, Di Maio inaugura la scuolaLa due giorni pentastellata saraticense è proseguita sabato 25 giugno con l’inaugurazione delle nuove sezione della Scuola d’Infanzia di Monticello di Fara. Oltre al Sindaco Roberto Castiglion erano presenti il Vicepresidente della Camera Luigi Di Maio ed il Senatore Enrico Cappelletti. Un’occasione per mostrare uno dei grandi risultati raggiunti da questa amministrazione con un investimento contenuto salvaguardando le casse comunali da nuovi debiti. Un progetto da circa 730.000 € che prevede 3 nuove sezioni all’interno di una struttura ecocompatibile, a basso impatto ambientale, realizzata a misura di bambino per il loro massimo comfort. Con l’occasione si è migliorata la struttura esistente anche dal punto di vista sismico. Sempre lo stesso giorno presso la Sala civica in Via Valle a Sarego, si è registrato il secondo evento che ha visto Luigi di Maio, Enrico Cappelletti e Roberto Castiglion toccare il tema della legalità. Il rispetto delle leggi, la loro applicazione nel locale e la creazione a livello centrale sono una piccola parte degli argomenti trattati. Punti di vista molto differenti che vedono al centro i cittadini. Prima di questo secondo evento il Vicepresidente Di Maio e il Senatore Cappelletti hanno trovato il tempo di fare una visita anche al Bocciodromo comunale, uno dei pochi in Italia ad essere dotato, da quest’anno, di un impianto di climatizzazione. Polemiche sono sorte per l’assenza dei rappresentanti della Regione Veneto non invitati

Una poesia per la donazione

di Rino Boseggia

Si è svolta martedì 12 maggio in Piazza San Maurizio a Meledo, una serata di solidarietà tra musica e poesia promossa dalla A.I.D.O. di Sarego in collaborazione con il Comitato Meledo 84. L’intero ricavato sarà devoluto a favore delle Scuole Medie di Meledo.
L’iniziativa “Una poesia per la donazione” ha visto protagonisti i ragazzi della Scuola Secondaria di primo grado “F. Muttoni” di Meledo che sono stati premiati per le loro poesie dedicate al tema del dono.
Solidarietà e approfondimenti ma anche divertimento e musica: ad animare la serata, infatti, oltre alla partecipazione di Francesca Dal Toro apprezzata soprattutto dai giovani e finalista assoluta per la danza ad Amici 2014, è arrivata a sorpresa Stefania Cento, l’artista nota per un buon numero di apparizioni televisive accanto a Paolo Limiti prima e Carlo Conti poi. L’attrice ha coinvolto il pubblico in simpatiche improvvisazioni e toccanti interpretazioni.
Presenti anche il Sindaco Roberto Castiglion e  Manuela Luzi, Vicesindaco  e Assessore alle Pari Opportunità, Associazioni, Sport,  il presidente della Pro Loco Adriano Faresin, le insegnanti dell’Istituto Comprensivo Muttoni di Sarego e il dr. Silvio Marafon coordinatore dell’unità locale di Anestesia e Rianimazione – coordinamento Donazione e Trapianti d’Organo dell’Ospedale San Bortolo di Vicenza, che ha spiegato dal punto di vista medico l’approccio alla donazione e informato i partecipanti sulla filosofia che sottende alla donazione. E questo proprio nel giorno in cui il Centro Nazionale Trapianti eseguiva presso il Centro Trapianti di Vicenza un audit per il rispetto degli standard che l’ospedale e tutto lo staff del dr. Stefano Chiaramonte ha brillantemente superato confermandosi un’eccellenza nel campo. “La donazione nasce proprio per condivisione” racconta Walter Zigiotti, socio dell’AIDO che con la sua testimonianza diretta invita ad abbandonare la paura e ad aprirsi agli altri. “La chiave del cuore è semplice, tutti i giorni possiamo dare un po’ di noi agli altri: c’è chi ha bisogno di un aiuto, di un sostegno, chi di una trasfusione e chi ha bisogno anche di un trapianto”. Una serata che ha voluto anche ricordare l’importanza del rispetto e della cura del proprio corpo tramite un’alimentazione corretta e delle abitudini sane che permettano al corpo di mantenere una buona funzionalità.
Ed è stato il dono il tema della serata, lo ricorda anche la signora Cristina Pozzan Zigiotti, Presidente del gruppo A.I.D.O. di Sarego, che confida la difficoltà di scegliere le poesie vincitrici del concorso a cui hanno partecipato gli alunni:. Dal palco di Meledo, infine, il presidente della Pro Loco invita tutti alla prossima serata a favore dell’A.I.D.O che si svolgerà il 10 Agosto a Sarego a cui parteciperà, ed è proprio lei a prometterlo, la stessa Stefania Cento con la sua musica e la sua solare presenza.

Aido 1

AREA BERICA. BUFERA SU UTILYA: TRE COMUNI SI STACCANO

Asigliano, Pojana Maggiore e Sarego hanno votato nei rispettivi Consigli comunali l´uscita da Utilya srl, società a capitale pubblico nata nel 2005 per la gestione dei rifiuti. L´occasione si è presentata con la proposta del nuovo modello organizzativo a capitale misto pubblico e privato. Secondo la proposta presentata ai dieci Comuni soci (oltre ai tre nominati, Alonte, Arcugnano, Grancona, Lonigo, San Germano dei Berici, Villaga, Zovencedo), Utilya aumenterà il capitale sociale da 64.900 euro a 100 mila, grazie anche all´apporto di privati. Asigliano e Pojana, l´una con voto all´unanimità, l´altra con 9 voti a favore su 14, hanno deliberato il recesso. «I Comuni dell´Unione, una volta entrata Sossano, smaltirebbero i rifiuti in due maniere diverse: Orgiano e Sossano direttamente, Asigliano e Pojana attraverso Utilya. A questo punto meglio uscire e consorziarci», ha sottolineato il sindaco di Asigliano Fabrizio Ceccato. «La qualità del servizio di Utilya – ha commentato il sindaco Gabriele Cavion di Pojana – non è in discussione. Sono i costi indiretti, quelli amministrativi, ad essere elevati. Usando il personale interno per coordinamento e gestione, appaltando la raccolta ad imprese esterne, risparmieremo sicuramente». Il Consiglio comunale di Lonigo ha deliberato,invece, di aprire ai privati l´accesso al capitale sociale di Utilya. La decisione è giunta dopo un serrato dibattito sull´opportunità della decisione e sulla qualità del rapporto tra il Comune e la società partecipata; la quota di cui Lonigo è titolare è del 36,9%. L´assessore all´ambiente Dario Fasolin ha spiegato che si intende offrire il 20% del capitale a soci privati, operatori nel settore della raccolta e del trasporto dei rifiuti. «Sono dunque dei soci provvisori – ha aggiunto – che saranno maggiormente partecipi dell´andamento aziendale. L´adozione di un partenariato pubblico-privato risponde inoltre a precise indicazioni di legge». Decisa la contrarietà delle forze di opposizione: «La sorpresa vera è Sarego. L´uscita da Utilya di Asigliano e Pojana era nell´aria: quella del Comune amministrato da Roberto Castiglion, no»: questo il parere espresso da Fabio Dani, presidente della società che cura il servizio di igiene ambientale per dieci comuni». «Con questa manovra, e cioè aprire ai privati l’accesso ad Utilya – precisa – adempiamo a precise indicazioni dell´Unione europea. Molte società del nostro settore svolgono in proprio l´attività di raccolta e smaltimento dei rifiuti, non rispettando in tal modo la normativa comunitaria».

Sarego. Raccolta rifiuti e Acquedotto: si cambia

La rivoluzione “grillina”, da tempo attesa, si abbatte su due istituzioni fondamentali nella gestione di un comune: Utilya addetta alla raccolta delle immondizie e CVS (Centro veneto Servizi) che gestisce l’acquedotto. E’ stato lo stesso sindaco Roberto Castiglion ad annunciare i due importanti interventi nel corso dell’assemblea indetta nel centro parrocchiale di Meledo il 5 dicembre. «Abbiamo deciso di intervenire nella gestione di rifiuti –ha precisato- perché non intendiamo più avvalerci di intermediari prima di tutto per una questione di risparmio, e poi perché nella gestione di Utilya abbiamo registrato, in alcuni casi, poca trasparenza». Decisione che è stata approvata il giorno successivo in consiglio comunale con 6 voti favorevoli e due contrari. Il sindaco grillino Roberto Castiglion è stato chiaro: «L´ingresso del socio privato pone il problema del conflitto tra interesse pubblico e privato – ha esordito -. I costi sono stati valutati e obiettivamente quelli di Utilya sono buoni, ma quelli dei Comuni vicini sono comunque comparabili». Sostiene anche di essersi confrontato con le amministrazioni di Lonigo, Pojana, Asigliano ma di aver trovato riscontro solo nelle ultime due. «Pur essendo pubblica – ha aggiunto -, Utilya non ha mai dato la sensazione di essere aperta e trasparente. Abbiamo sempre avuto difficoltà ad acquisire informazioni». Castiglion non ha digerito l´accensione da parte di Utilya di un mutuo di 800 euro per l´acquisto del terreno vicino al biodigestore, avvenuta «senza informare i sindaci che erano entrati in carica da poco. Anche per quanto riguarda il CVS Castiglion ha posto l’accento sul fatto che è ora di cambiare gestore in quanti i cittadini di Sarego pagano l’acqua più cara rispetto ai comuni vicini. Un problema che anche il nostro mensile aveva evidenziato più volte in passato ricevendo come risposta che purtroppo si trattata di decisione prese in precedenza.

Orgiano. L’0pinione del sindaco Zecchinato

Utilya è una società del territorio al servizio del territorio e dei cittadini e, in quanto tale, gestisce opere e servizi affidate dai Comuni, che interessano un’area di circa 43.000 abitanti. Il Comune di Orgiano ha valutato la proposta di entrare a far parte della società, tuttavia ha sempre gestito la questione del sistema rifiuti, internamente, con i propri mezzi, avendo personale qualificato per farlo. Da un paio di anni, inoltre, avendo comunità di intenti con i Comuni di Sossano, Campiglia e Barbarano, è stata indetta una gara per l’affidamento dei servizi di raccolta, con notevole risparmio, continuando a gestire in economia gli aspetti amministrativi e contabili. Per quanto riguarda il Comune di Orgiano, attualmente conviene gestire in questo modo il servizio. Anche per il 2013 è stata mantenuta la Tarsu, ma per il 2014 il servizio sarà gestito in Unione dei Comuni con personale interno, mantenendo salve le forniture di servizi in essere.

 

SAREGO. PALCOSCENICO MONDIALE DI CILISMO PER AMATORI

Sarego cisclismo 1Il 13/14 Luglio 2013, Sarego ha ospitato la “19a Coppa del mondo Amatori su strada”. La manifestazione sportiva ha richiamato un gran numero di ciclisti di tutte le categorie provenienti da ogni parte d’Italia. Nonostante la complessità della gara ed il percorso che si è smodato lungo strade quanto mai trafficate, tutto si è svolto alla meglio e senza incidenti di rilievo. Una precisazione di non poca importanza dal momento che nel corso di una gara per amatori che si è svolta qualche settimana dopo un ciclista della categoria Gentelman è morto d’infarto durante la competizione. Grande è stata la soddisfazione degli organizzatori per un appuntamento che ha visto impegnati decine di volontari.  Sarego, in questi casi, non è seconda a nessuno.

 

SAREGO. VIA L’ETERNIT SUI TETTI DELL´EX SASATEX: LA SOLUZIONE POTREBBE ESSERE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO

All´ex Sasatex di Monticello di Fara ci sono 10 mila metri quadrati di eternit, da bonificare il prima possibile. Questo il risultato del sopralluogo compiuto dall´Arpav nello stabilimento dell´ex tessitura. I tecnici dell´agenzia regionale per l´ambiente hanno rilevato la presenza di materiali contenenti amianto: a preoccupare di più sono le onduline in eternit che coprono i capannoni per circa un ettaro. «Come Amministrazione – ha precisato il sindaco – ci stiamo attivando per muoverci nel modo più idoneo, cominciando col confrontarci con la proprietà dell´area per far rimuovere al più presto le parti pericolose».

 

 

SUOR TIZIANA E LA SUA AFRICA

Suor Tiziana Maule, originaria di Monticello di Fara, da anni opera come missionaria ad Alepè in Costa d’Avorio. A Lino Maule, membro della ONLUS PROGETTO ALEPE’, con sede a Sarego, abbiamo posto alcune domande per far conoscere una figura di donna eccezionale che non esita a rischiare la vita per salvare le sue 120 ragazze del collegio femminile…