Skip to main content

La speranza è nelle mani dei giovani

L’Amministrazione comunale di Casale di Scodosia ha premiato, il mese scorso, gli studenti casalesi che si sono distinti nel loro percorso scolastico. Un modo per sottolineare l’importanza dello studio e per valorizzare gli studenti e le studentesse che si sono impegnati ragAspettando Carnevale giungendo risultati di eccellenza. Così il sindaco Marcello Marchioro: «L’anno appena terminato si è concluso con le premiazioni delle eccellenze del nostro paese, premiando i tre studenti che si sono distinti, raggiungendo il massimo dei voti, al termine degli esami di Stato; rispettivamente Matteo per la secondaria di primo grado, Aurora e Giacomo per la secondaria di secondo grado. A loro i più sinceri complimenti da parte dell’intera comunità casalese. Contemporaneamente nella sala consiliare del Municipio casalese, sono state consegnate le Costituzioni ai diciottenni che sono arrivati a questo a questo traguardo nel corso dell’anno appena passato. Un momento importante per i nostri ragazzi che sono ufficialmente responsabili delle loro scelte e nuovi elettori della Repubblica democratica italiana». Soddisfatti anche i genitori che hanno accompagnato i loro figli e figlie a ricevere il premio e che sono stati giustamente ringraziati per l’impegno, la dedizione e l’amore che dedicano all’educazione e alla crescita delle nuove generazioni alle quali è affidato il futuro del mondo.

di Arianna Lorenzetti

continua su AREA3news n 127 di febbraio 2022

La Corrida anima il settembre casalese

Il Centro Parrocchiale di Casale di Scodosia organizza la 15^ edizione della “Corrida de Casale” che si terrà sabato 14 settembre 2019 alle ore 21.00.

Una manifestazione di grande successo che è diventata un appuntamento fisso ed immancabile della programmazione estiva casalese. I dilettanti allo sbaraglio stupiranno il pubblico con divertenti esibizioni di recitazione e cabaret, talentuose esibizioni canore e simpatici balletti. 

Capostipite dei moderni talent show, “La Corrida” condotta dal grande Corrado è stato per anni il programma prima radiofonico poi televisivo più simile ad una classica festa paesana, in cui 10 concorrenti si esibivano tra canzoni, balli, poesie e spettacoli fantasiosi. Giudice delle esibizioni è sempre stato il pubblico in studio: se l’esibizione piaceva i concorrenti ricevevano applausi, se l’esibizione non era gradita il pubblico poteva fischiare

di Arianna Lorenzetto

(segue su #AREA3news n°100 settembre 2019)

Passepartout: il lascia passare per il mondo dell’arte

Passepartout, terza edizione della tre giorni all’insegna dell’arte; una rassegna estiva che si è svolta nel mese di giugno a Casale di Scodosia. L’evento, coordinato dall’infaticabile Enrico Missaglia, è stato organizzato dall’Associazione carnevale del Veneto e dalla Pro Loco, con il patrocinio della provincia di Padova, del comune di Casale di Scodosia, dell’Avis del montagnanese, dell’Istituto Regionale Ville Venete. L’idea è stata quella di far diventare Villa Correr una vetrina promozionale della Bassa situata tra i confini di quattro province che hanno saputo mescolare ingegno, fantasia e solidarietà. Quell’arte che i padri hanno tramandato nello scolpire, nel decorare, nel costruire, nel dare all’estro la consapevolezza di ciò che si può realizzare guardando avanti. L’arte che è nella musica, nel teatro, nella scultura, nella pittura e in tutto quel “Bello” che ha fatto della terra veneta una grande terra. Villa Correr è stata come un contenitore di tutto questo. Una Villa immersa in un meraviglioso parco. Una Villa che fu edificata verso la fine del XVII secolo come dimora estiva dell’omonima famiglia veneziana Correr.

di Arianna Lorenzetto

Settanta più uno: il Carnevale del Veneto per sempre giovane!

Quest’anno il Carnevale del Veneto di Casale di Scodosia è arrivato all’edizione numero settantuno.

Un’edizione che si preannuncia come sempre ricca di quel colore, di quella magia e di quella creatività che una festa come questa mette in campo per allietare grandi e piccini. Si tratta di un traguardo che per il comitato carnevale, i maestri carristi e tutte le persone impegnate nell’organizzazione riempie di orgoglio gli animi. Legata ad un passato di generale condizione di povertà emendatosi dal dopoguerra in avanti, la Comunità di Casale anche nel Carnevale esprime in pieno l’inventiva che da sempre la contraddistinguono. Ma il Carnevale è anche frutto di un particolare momento dell’animo del “contadino” di un tempo. Le feste popolari, in genere, hanno una genesi profonda che ha sede nell’animo semplice della gente e questa caratteristica è propria del Carnevale casalese. Ci facciamo dunque raccontare dagli organizzatori qualche passaggio importante di questo evento:

di Arianna Lorenzetto

(segue su #AREA3news n°94 febbraio 2018)

Tra San Remo e San Giorgio

Al teatro San Giorgio di Casale di Scodosia, si è svolta la 49a edizione del concorso “Voci nuove” edizione speciale “musica italiana”, gara canora organizzata dall’Associazione Carnevale del Veneto di Casale di Scodosia e patrocinata dalla Regione Veneto, dalla Provincia di Padova, dal comune di Casale di Scodosia e presentata da Arianna Lorenzetto. Una gara canora che strizzava l’occhio al più famoso festival di San Remo che si svolgeva proprio nella stessa serata. Un evento che si colloca all’interno del Carnevale del Veneto di Casale di Scodosia, storica manifestazione che è giunta alla sessantanovesima edizione ma che nasce storicamente ben prima, traendo le proprie origini dallo spirito popolare più antico della laboriosa comunità casalese. Il Carnevale è dunque frutto di un particolare momento dell’animo del “contadino” di un tempo. Curiosando abbiamo trovato che il documento più vecchio fino ad ora reperito presso l’archivio comunale e riferito al Carnevale casalese risale ai primi anni ‘20 del ‘900. Dagli anni ‘60 agli anni ‘80, periodo d’oro per il nostro Carnevale, è stato presentato addirittura da personaggi del calibro di Corrado, Mike Buongiorno e da un allora giovanissimo Pippo Baudo e ha ospitato e fatto conoscere molti cantanti anche di fama internazionale; per citarne solo alcuni: Gianni Morandi, Iva Zanicchi, Lucio Dalla, Fiordaliso, Franco Battiato, Riccardo Cocciante, I Matia Bazar, Giorgio Gaber. I cantanti partecipanti sono stati suddivisi in due gruppi ed hanno dilettato il numeroso pubblico con le loro voci talentuose. Molto simpatico l’intermezzo musicale con “Mamma Maria” cantata da una formazione dei “Ricchi e poveri” di casa nostra! La giuria, altamente qualificata a livello musicale, era composta da Rosella Baratto, Filippo Visentin, Alessandra Cortelazzo, Matteo Tisato e da Stefano Santangelo – musicista – presidente di Giuria. I parametri di valutazione adottati dalla giuria sono stati dettati dalla validità artistica, dall’originalità e dalla capacità interpretativa e di esecuzione. Molto coinvolgente anche l’esibizione del ballerino Luca Chiumento che ha danzato sulle note della musica di Michael Jackson. I concorrenti arrivavano da varie parti del Veneto e qualcuno anche da fuori regione; alcuni hanno eseguito, brani poco noti ma molti hanno preferito interpretare canzoni memorabili e sempre di sicuro impatto come i brani di Mina, dei Nomadi, di Arisa, di Nek.

di Arianna Lorenzetto

(segue su AREA3 n°74 – marzo 2017)

La storia breve di Nevio Missaglia

Nel mese scorso è stato presentato il libro di Nevio Missaglia “Storia breve”. Figura di grande rilievo, sia politico che amministrativo e umano, Missaglia ha ricoperto la carica di primo cittadino di Casale di Scodosia dal 1970 al 1976 e poi dal 1977 al 1991. Risale al lontano 1948 grazie alla sua forza, alla sua lungimiranza e alla sua passione la nascita di quello che ancora oggi si chiama il “Carnevale del Veneto”. Nevio Missaglia, scomparso nel 2014 ad ottantanove anni, ne è stato per anni presidente e vide nel Carnevale il veicolo per uscire anche dalla disperazione della guerra mondiale che tanta sofferenza portò nei nostri paesi. Così attraverso la cartapesta, la creatività e i colori, il Carnevale divenne negli anni Sessanta una delle manifestazioni carnevalesche più importanti d’Italia. La Regione del Veneto gli conferì non a caso l’appellativo “del Veneto”. Missaglia era Cavaliere della Repubblica e Maestro del Commercio; è stato anche consigliere provinciale e padre di dodici figli. E proprio la figlia Marinella ha voluto dare alle stampe il libro presentato a dicembre, presso la sala civica di Piazza Aldo Moro dal titolo “Storia Breve” di Nevio Missaglia. Il libro racconta, attraverso i ricordi dell’autore, l’inizio del percorso di vita sociale e politica di un uomo che ha avuto un ruolo di primo piano a Casale di Scodosia nel secondo Novecento. Durante l’incontro di presentazione del volume, dopo il saluto del Sindaco e dell’Assessore alla Cultura, sono intervenuti la figlia e curatrice dell’opera Marinella Missaglia, Mario Mambrin e Giandaniele Pauletto. Così la figlia Marinella: “Storia breve è il titolo che papà Nevio ha dato a questo lavoro. Non è un diario ma un ricordo scritto a di….

di Arianna Lorenzetto

(segue su AREA3 n°72 – gennaio 2017)

Voci nuove e grandi talenti!

di Arianna Lorenzetto

Si è svolta, nel mese di gennaio, a Casale di Scodosia, la 48a edizione del concorso “Voci nuove” edizione speciale “musica italiana” gara canora organizzata dall’ Associazione Carnevale del Veneto di Casale di Scodosia e patrocinata dal Comune stesso, dalla Regione Veneto, dalla Provincia di Padova e presentata da Arianna Lorenzetto.0
Un evento che si colloca all’interno del Carnevale del Veneto di Casale di Scodosia, storica manifestazione che è giunta alla sessantottesima edizione ma che nasce storicamente ben prima, traendo le proprie origini dallo spirito popolare più antico della laboriosa comunità casalese. Il Carnevale è dunque frutto di un particolare momento dell’animo del “contadino” di un tempo. Le feste popolari, in genere, hanno una genesi profonda che ha sede nell’animo semplice della gente e questa caratteristica è propria del Carnevale casalese.
La manifestazione è unione e simbolo dello spirito e della spontaneità di questo paese, che ha saputo trasformarsi con sacrificio e tenacia conservando un cuore antico.
Curiosando abbiamo trovato che il documento più vecchio fino ad ora reperito presso l’archivio comunale e riferito al Carnevale casalese risale ai primi anni ‘20 del ‘900. Dagli anni ‘60 agli anni ‘80, periodo d’oro per il nostro Carnevale, è stato presentato addirittura da personaggi del calibro di Corrado, Mike Buongiorno e da un allora giovanissimo Pippo Baudo e ha ospitato e fatto conoscere molti cantanti anche di fama internazionale; per citarne solo alcuni: Gianni Morandi, Iva Zanicchi, Lucio Dalla, Fiordaliso, Franco Battiato, Riccardo Cocciante, I Matia Bazar, Giorgio Gaber. Per questo anche nel 2016 c’è stato il concorso canoro “Voci nuove” che si è svolto nel cinema-tetro “Giorgetto”.
Ad aprire la serata un brano interpretato da Chiara Veronese, vincitrice del concorso dello scorso anno e quest’anno di diritto tra i componenti della giuria: una voce ricca di sfumature e con la freschezza della sua giovane età.
I cantanti ad esibirsi sono stati diciotto, suddivisi in due gruppi hanno dilettato il numeroso pubblico con le loro voci talentuose.
La giuria, altamente qualificata a livello musicale, era composta da Daniel Adomako (presidente di giuria), Rosella Baratto, Alberto Zanetti, Valeria Giorio, Sandro Sartori, Filippo Visentin, Serena Mantoan e Chiara Veronese.
I parametri di valutazione adottati dalla giuria sono stati dettati dall’intonazione, dall’interpretazione e dalla presenza scenica.
Interessante anche l’ospite della serata nonché presidente di giuria Daniel Adomako, cantante nato in Ghana nel ‘91 ma che vive in provincia di Brescia. Daniel ha preso parte nel 2011 alla fase finale di X Factor e ha partecipato alle selezioni di Sanremo Giovani 2013 risultando tra i 60 finalisti, traguardo bissato nel 2014. Molti ricordano l’episodio in cui Anna Tatangelo, giudicò erroneamente il suo timbro come un falsetto e lo escluse da X Factor. Nel 2013 vince Italia’s Got Talent e pubblica per Sony un ep con i tre brani coi quali ha conquistato pubblico e giudici, tra cui Hallelujah, e quattro inediti, compreso il singolo Per sempre. Nel 2014 esce Money on My Mind in duo con Michele Grandinetti.

Saletto gen_16 vocinuove (157)
Daniel Adomako oltre a deliziare i presenti con le sue doti canore, si è raccontato a cuore aperto in una bella intervista che ha ruotato attorno al tema dei suoi sogni, della famiglia, della musica e dei talent ai quali ha partecipando, regalando al pubblico anche i suoi giudizi personali in merito ai giudici di X-Factor e di Italia’s Got Talent.
Molto coinvolgente anche l’esibizione del ballerino Luca Chiumento che ha danzato sulle note della musica di Michael Jackson.
I concorrenti arrivavano da varie parti del Veneto e qualcuno anche da fuori regione; alcuni hanno eseguiti brani poco noti ma molti hanno preferito interpretare canzoni memorabili e sempre di sicuro impatto come i brani di Mina, Mia Martini, Fabrizio de Andrè.
Questi i loro nomi: Matteo Penzo con “Almeno stavolta”, Federica Beltrami con “Cambiare”, Stefano Comunian “Sentimento”, Silvia Cendron “Portati via”, Ilaria Rudari “E non finisce mica il cielo”, Martina Nanni “Voglio prendere il sole”, Carol Magagna “Ci vorrebbe il mare”, Ottaviano Guzzo “Sally”, Andrea Tasinato “Ken il guerriero”, Federico Chieppe “Cosa avevi in mente”, Valentina Pasqualin “La voce del silenzio”, Diana Timbur “Il cielo in una stanza”, Luca Rossin “Tracce di te”, Giorgia Vianello “La paura che ho di perderti”, Sara Daniel “Ascoltami”, Emmanuel Valente “Adagio”, Giorgia Gobbo “Come saprei”, Adele Crema “Grido d’amore”. Presenti sul palco anche il Sindaco Stefano Farinazzo, il suo Vice Damiano Pernechele e il presidente del Carnevale del Veneto Paolo Muraro che hanno avuto parole di plauso per il cantanti e per il pubblico presente, andando a ricordare tutta la programmazione dell’articolata kermesse carnevalesca targata 2016. Al termine sul palco sono saliti anche i rappresentanti del comune di Arre che organizza un concorso canoro il “CantaArre” che è gemellato con il concorso “Voci nuove” di Casale di Scodosia.Il premio della critica se lo è aggiudicato Silvia Cendron di Mirano e il premio tra i Giovanissimi (16/18 anni) è andato alla veronese Adele Crema.
Sul podio: al terzo posto Giorgia Vianello di Quarto d’Altino, il secondo posto è andato a Martina Nanni di Milano e il primo posto del concorso “Voci nuove” se lo è aggiudicato Emmanuel Valente di Santa Maria di Sala (VE) con il brano “Adagio” di Lara Fabbian: un’interpretazione da pelle d’oca che ha suscitato grandi emozioni tra il pubblico in sala e non sono mancati calorosi applausi a sottolineare il successo dell’esibizione.

CRESCE IL “GRUPPO UFFICIALE DI CASALE DI SCODOSIA”

E’ sotto gli occhi di tutti il fatto che, negli ultimi tempi, i social network sono diventati un vero e proprio luogo virtuale dove creare salotti e parlare di tutto, dai problemi del comune in cui si vive ai quelli personali. Se un tempo erano i bar e la piazza del paese ad avere questo ruolo, l’“evoluzione” della società moderna ha portato di fatto questo cambiamento. E anche persone più o meno pratiche di computer si sono create dei profili sui vari siti internet, come Facebook o Twitter, per scambiare opinioni e fare conoscenze di gente che può risiedere anche a centinaia di chilometri di distanza. Per quanto riguarda la Bassa Padovana, è in continua crescita la pagina Facebook intitolata “Gruppo ufficiale di Casale Di Scodosia” che, a distanza di due anni dalla sua creazione, conta più di circa 500 utenti iscritti.