Cromie

Le cromie di Feliciano illuminano Noventa

Una nuova mostra d’arte fare da cornice all’ottobre noventano, con i colori dell’artista Feliciano Dal Prà. Attivo nel panorama artistico da molti anni, Feliciano si esprime con opere che lasciano al visitatore la bellezza di un’arte che si fa introspezione e dove ognuno coglie le sfumature della propria esistenza. Così il prof. Renzo Zoia, critico d’arte e co-curatore della mostra: «Feliciano Dal Prà si può affiancare a quegli artisti contemporanei che, con il colore, hanno rivoluzionato la visione accademica della pittura tradizionale. Nonostante la molteplicità dei temi trattati nella sua complessa ispirazione rivolta alle antiche civiltà e all’analisi simbolica dello spirito umano, quello che caratterizza il suo lavoro è la ricerca di un linguaggio colto e sempre mutevole. Esso genera l’immagine, il dipinto, che è strettamente funzionale alla creazione espressiva anche quando sfugge alla nostra immediata comprensione». E il prof. Zoia continua ponendo l’accento proprio sul colore: «Ma più che il disegno o la forma, l’elemento che lo evidenzia e lo qualifica è il colore, anche se spesso è celato dai materiali o mescolato in stesure policrome. A questa mostra antologica dell’anno 2021, che pur rappresenta una sintesi dei contenuti affrontati in tanti anni di lavoro, ben si addice il titolo di “Cromie”, inteso a focalizzare la stesura del pigmento, l’accostamento delle tinte, l’esaltazione o la riduzione cromatica, dietro le quali si accentuano o si smorzano le emozioni dell’artista. In Feliciano, dunque, il colore perde gradatamente il suo valore simbolico e diventa esso stesso forma e luce di quanto rappresentato. E questo accade soprattutto nell’uso del rosso, del nero e del bianco, come a dire dell’incendio cromatico, dell’astrazione concettuale e dell’indagine meta….

di Arianna Lorenzetto

continua su AREA3NEWS n123 di ottobre 2021