Lonigo postounico: festival tra cultura e architettura

 

Per la prima volta a Lonigo un Festival culturale estivo dedicato alla musica e alle bellezze architettoniche del territorio: è “LONIGO POSTOUNICO. FESTIVAL DELLA MUSICA NEI LUOGHI DELL’ARTE”. Merito di un’Amministrazione che crede nel rilancio del turismo e di un direttore artistico di ben nota esperienza:Alessandro Anderloni

 

 

«Con questo Festival si concretizza un sogno – esordisce il Sindaco Luca Restello alla conferenza stampa di presentazione di questo ciclo di eventi – il sogno di far diventare Lonigo la città della cultura grazie ai suoi luoghi dell’arte». È il primo anno che in terra leonicena si presenta una proposta culturale estiva realmente strutturata e con un filo logico ben definito. L’Amministrazione Restello fa questa scommessa nella certezza che tale proposta si rivelerà un successo. A fare da protagoniste saranno musica e architettura, perché si è deciso di collocare ogni spettacolo in un luogo diverso, in un percorso itinerante tra le bellezze artistiche della terra leonicena: da Piazza Garibaldi al Parco Ippodromo, dalla Rocca Pisani a Villa Pisani, dal Santuario della Madonna dei Miracoli a Villa San Fermo. Prima di ogni spettacolo sarà possibile fruire di una visita guidata e a conclusione sarà presentato di volta in volta un prodotto tipico del territorio. «Lonigo è amata, ma le sue bellezze non sufficientemente conosciute. – Sentenzia il Sindaco e prosegue – Questo Festival vuole anche essere un canale a livello internazionale. Il nostro intento è quello di far conoscere questa splendida Città e promuoverla per i turisti da tutto il mondo che affollano altre città venete, ma non fanno tappa a Lonigo. Eppure qui ci sono capolavori architettonici assoluti, inseriti in un contesto paesaggistico unico. La strada che vogliamo percorrere nei prossimi anni di amministrazione è quella della cultura, in particolare della musica con l’arte». Per pubblicizzare il Festival si è scelta una grafica moderna e accattivante che presenta sullo sfondo un leone del Settecento, animale che facilmente rimanda al nome e che simboleggia anche la fierezza, la decisione e la determinazione dei leoniceni. «La nostra città è pronta per una presa di forza, vuole scattare e vincere». A dirigere artisticamente le proposte è stato chiamato Alessandro Anderloni, artista versatile noto soprattutto per essere l’ideatore del Festival della Lessinia. Si dedica al teatro fin da giovanissimo, inizia la carriera professionale di attore, autore e regista, a cui ha affiancato l’attività di didattica teatrale nelle scuole e la direzione artistica di festival musicali, teatrali e cinematografici. Sono più di cinquanta gli spettacoli scritti, diretti e messi in scena dagli anni Novanta in poi. Compone la musica per i suoi spettacoli e le melodie dei canti per i cori che dirige. «Ringrazio Lonigo – esordisce – per il coraggio e la fiducia che mi ha accordato. Oggi investire in cultura è difficile, ma è anche lungimirante. Lonigo è davvero un posto unico per la sua storia, le ville, il centro storico. Con il festival valorizzeremo questa architettura con altrettanta bellezza che viene dalla musica». Per gli spettacoli in programma non è previsto un sistema di prevendita biglietti, ma dovranno essere prenotati via E-mail (festival@lonigopostounico.it) e acquistati in loco nella stessa serata. Gli spazi sono ampi e permettono grande partecipazione di pubblico. In caso di pioggia, lo spettacolo in questione avrà luogo nella stessa data in un luogo al coperto. Per quanto riguarda la manovalanza tecnica contiamo sulla partecipazione di numerosi gruppi di volontari leoniceni (in primis Auser, Insieme per voi, Associazione dei Carabinieri volontari). Essendo questo il primo anno in cui viene proposto un festival di questo genere è normale che Lonigo paghi lo scotto soprattutto in termini economici. Ci si ricorderà la grande polemica qualche settimana fa per i 13 mila euro al gruppo di direzione del festival. In tutto verrà a costare 90mila euro, comprensivi di tutte le manifestazioni estive leonicene. Grazie agli sponsor e alla vendita dei biglietti si conta di coprire almeno un terzo del totale. Da non trascurare l’indotto economico che porterà sicuramente benefici agli esercizi della città.

                                             GLI APPUNTAMENTI IN PROGRAMMA

Festival musica dpl cover

PIAZZA GARIBALDI – 16 giugno “Seven chances” Mauro Ottolini & Sousaphonix L’orchestra accompagna dal vivo un film muto di Buster Keaton

ROCCA PISANI- 23 giugnoGli amori di Shakespeare” con Silvia Bertoncelli Spettacolo di teatro-danza in occasione degli anniversari della morte di Shakespeare e di Scamozzi

VILLA PISANI BONETTI – 30 giugno “Viaggio in Italia“A. Anderloni, R. Benetti, T. Sinigallia Il mito dei “grand tour” nel Belpaese tra musica e teatro

PARCO IPPODROMO – 7 luglio “Enzo Avitabile & I Bottari” musica popolare napoletana con strumenti atipici e spettacolari

VILLA MUGNA – 14 luglio “Les Hermans Caronni” gemelle musiciste argentine dal gusto eclettico

VILLA SAN FERMO – 23 luglio “Volosi quintetto d’archi polacco dall’energia antica

PIAZZA GARIBALDI- 29 luglio Calici di tango M. Klurfan, W. Cardozo, Tangox3 Milonga in piazza. Quattro giorni di danze

PARCO IPPODROMO – 30 luglio “Bella Ciao” folk revival italiano, un’ensamble eccezionale

SANTUARIO DI MADONNA – 7 agosto “Sala Singers” una famiglia che forma un Settetto straordinario

VILLA PISANI BONETTI – 12 agosto “Una festa in musica” I. Cudek, M. Manhart, C. Lachota Musicisti tedeschi per la musica classica

di Chiara Ballan