LEGNAGO. L’ULSS 21 HA UN NUOVO DIRETTORE GENERALE: MASSIMO PICCOLI

Un ulteriore abbattimento delle liste d’attesa facendo perno sull’appropriatezza prescrittiva e sul fascicolo sanitario elettronico per evitare prestazioni non necessarie a scapito di altri pazienti. Il rafforzamento della medicina sul territorio con la conclusione della riorganizzazione avviata negli ultimi anni tramite l’attivazione di altre aggregazioni di medici di medicina generale. E un rigore gestionale che consenta di ridurre i costi senza intaccare però l’efficienza e la qualità dei servizi offerti ai cittadini. Il tutto completato da interventi strutturali per rendere più confortevoli gli ambienti ospedalieri. È condensata sostanzialmente in questi punti chiave la linea d’azione abbozzata da Massimo Piccoli, il più giovane dei 21 manager della sanità veneta nominati lo scorso 29 dicembre dal presidente della Regione Luca Zaia, che da circa un mese è subentrato a Daniela Carraro alla guida dell’Ulss 21 di Legnago.