Skip to main content

Tag: SanBonifacio

Anna, Michel, Enrico, Nico, Alberto e Davide! Una partita solidale per ricordare i ragazzi

Per Anna, Michel, Enrico, Nico, Alberto e Davide! Una partita solidale ricordando ragazzi partiti troppo presto.

Sei angeli in cielo e decine di amici e familiari sulla terra a tenere viva la loro memoria e a far fiorire, nel loro ricordo, la solidarietà. Lo scorso 10 novembre, nella palestra di Santo Stefano di Zimella, si è tenuta la prima edizione della Partita del cuore per Anna Koudiakov, Michel Casarotto, Enrico Boseggia e Nico Bottegal, deceduti cinque anni fa alla rotonda di Arcole, ma anche per i loro amici Davide Lanza e Alberto Rinaldi, pure loro purtroppo morti in due incidenti stradali. Davide era legatissimo ai quattro angeli di Arcole, mentre i genitori di Alberto conoscono da tempo la madre di Enrico Boseggia. 

A cinque anni dallo spaventoso schianto alla rotonda di Arcole, i genitori dei quattro ragazzi, i familiari e le decine di amici che non li hanno mai dimenticati hanno deciso che era finito il tempo del mesto pellegrinaggio pubblico alle lapidi che li ricordano, poste sul rondò della morte. L’anniversario…

 

di Paola Bosaro

(segue su  #AREA3news n°92 dicembre 2018)

Al via il progetto di recupero dell’ex zuccherificio

SAN BONIFACIO -Conto alla rovescia per la ristrutturazione dell’ex zuccherificio Eridania di San Bonifacio. Sono già state portate a termine nelle scorse settimane le opere di demolizione delle strutture secondarie e meno importanti dell’ex zuccherificio dei primi del Novecento, che sorge a ridosso dell’argine dell’Alpone ed è stato chiuso alla fine degli anni Sessanta, diventando decennio dopo decennio un rudere abbandonato e fatiscente, ancorché bellissimo ed interessante dal punto di visto estetico, storico ed architettonico.

Lo zuccherificio, con le sue caratteristiche murature in mattoni, è stato costruito nel 1901 ed è stato chiuso nel 1968. Dava lavoro a un centinaio di persone, che triplicavano nella stagione estiva con la campagna saccarifera.  «La sua ciminiera, alta 55 metri, non verrà né abbattuta né tagliata (com’è successo per altri camini di altri stabilimenti simili in giro per la provincia, ndr) bensì rinforzata e tenuta all’altezza originaria», annuncia soddisfatto il sindaco Giampaolo Provoli.

di Paola Bosaro

(segue su AREA3news n°85 aprile 2018)